Prende il via lo sportello anti-usura del Comune di Minturno

Prende il via lo sportello anti-usura del Comune di Minturno

Il Comune di Minturno

Il Comune di Minturno

La Regione Lazio ha approvato il progetto dello sportello antiusura inviato dal Comune di Minturno. Un’iniziativa che l’amministrazione comunale ha approvato lo scorso 18 settembre con delibera di giunta e che ora vede la sua realizzazione. Infatti, la Regione ha finanziato il progetto con ben 43mila euro.

Lo sportello antiusura è stato fortemente voluto dal consigliere comunale Mino Bembo, delegato al contenzioso, che si è impegnato attivamente affinché si riuscisse a elaborare un progetto in tempo utile per inviarlo all’ente regionale. «È un’iniziativa importante per il nostro Comune – dichiara Bembo – dal punto di vista sociale. L’amministrazione si è sempre sentita vicina alle vittime dell’usura e questo nuovo strumento è a disposizione di chi ha bisogno. Uno sportello che servirà a contrastare quei casi dove troppo spesso l’omertà la fa da padrone e coloro che incappano in persone prive di scrupoli non riescono a trovare un orecchio che possa ascoltarli».

È la prima volta che il Comune di Minturno prende coscienza in maniera attiva di un fenomeno che rappresenta ormai una piaga economica e sociale, e che è alla base di tanti episodi drammatici che sconvolgono interi nuclei familiari. Di certo l’usura coinvolge non soltanto i privati ma anche le aziende in difficoltà, che necessitano di credito e che spesso non sono dotate dei rigidi requisiti necessari per accedere al finanziamento bancario. Un tessuto talmente fragile che è fin troppo facile per gli usurai insinuarsi in maniera subdola, appropriandosi non solo delle attività economiche ma anche della dignità stessa delle persone.
Giuseppe Mallozzi

La Provincia 13-12-2012

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share