• Home »
  • Cronaca »
  • Blitz alle case popolari di Marina di Minturno contro le occupazioni abusive
Blitz alle case popolari di Marina di Minturno contro le occupazioni abusive

Blitz alle case popolari di Marina di Minturno contro le occupazioni abusive

L'Ater di Latina

L’Ater di Latina

Blitz congiunto di carabinieri e personale dell’Ater alle case popolari di via Pastino Grande a Marina di Minturno. Ieri mattina una sorta di task force composta da militari della stazione di Scauri e da funzionari dell’ente che gestisce l’edilizia residenziale, si sono recati nella zona, nei giorni scorsi al centro dell’attenzione dopo il sopralluogo dell’ex incaricato alle case popolari del Comune di Minturno, Marco Moccia.

In quella occasione lo stesso Moccia denunciò «casi di sovraffollamento all’interno di singole abitazioni», ma anche «casi di occupanti abusivi», chiedendo l’intervento delle autorità preposte. Ieri c’è stato questo sopralluogo che aveva come obiettivo la verifica dell’identità degli abitanti dei vari appartamenti (circa una quarantina) per procedere poi a controlli incrociati, tesi ad accertare se i residenti o domiciliati abbiano i requisiti per poter continuare a rimanere nei locali.

Un blitz che, comunque, ha già visto altri controlli lungo tutto il territorio provinciale. La richiesta di case è elevata, specialmente in questo periodo, caratterizzato da una crisi che ha messo in difficoltà tante famiglie. I militari della stazione di Scauri e gli impiegati dell’Ater hanno controllato le generalità dei vari inquilini, monitorando la situazione attuale. I successivi accertamenti incrociati, daranno un quadro chiaro e completo della situazione, che potrebbe avere un seguito. E’ chiaro che non ha più i requisiti per poter rimanere negli alloggi corre il rischio di essere «sfrattato». E a Marina di Minturno la situazione promette altri sviluppi, in quanto sono in corso accertamenti per verificare l’eventuale occupazione abusiva di spazi circostanti ed inoltre c’è la possibilità di poter mettere a disposizione altri locali.

Infatti l’Ater, come è noto, ha avviato un progetto che prevede la costruzione di altri tre appartamenti al piano terra, che verrebbero ricavati dagli spazi attualmente esistenti sotto gli stessi alloggi popolari di via Pastino Grande. La realizzazione dei tre nuovi alloggi si andrebbe ad aggiungere al recupero dell’ex mattatoio di Genzano, dal quale si potranno ricavare degli appartamenti. Certo non si potranno soddisfare le esigenze di tutti coloro che effettivamente ne hanno bisogno, ma in questa maniera sono stati fatti passi avanti, che potranno essere migliorati se verranno liberati altri locali occupati da abusivi.

In passato un’operazione simile era già accaduta sul territorio comunale, dove furono recuperati alcuni appartamenti. In un altro caso, addirittura, scattò anche un’inchiesta, all’epoca condotta dai carabinieri di Minturno, che avevano denunciato quindici persone che, secondo le accuse, non avevano comunicato all’allora Iacp (oggi Ater) che in quegli alloggi, di cui erano assegnatari, non ci vivevano. Un’inchiesta che ha poi avuto anche degli sviluppi giudiziari.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share