Doppi incarichi, Romolo Del Balzo condannato per danno erariale

Doppi incarichi, Romolo Del Balzo condannato per danno erariale

Il consigliere regionale Romolo Del Balzo

Il consigliere regionale Romolo Del Balzo

Condanna confermata per le doppie indennità percepite da Romolo Del Balzo. All’ex consigliere regionale del Pdl la Corte dei Conti ha respinto l’appello: dovrà risarcire per danno erariale il Comune di Minturno, avendo percepito per anni retribuzioni sia come presidente del consiglio comunale che come assessore della Provincia di Latina, in violazione di legge.

Del Balzo, rimasto “impigliato” nell’inchiesta “Damasco” condotta su Fondi dall’Antimafia e imputato nel processo in corso a Gaeta sul servizio di raccolta dei rifiuti a Minturno, è stato messo sotto accusa dagli inquirenti contabili e condannato dalla Corte dei Conti del Lazio, nel 2010, a risarcire l’amministrazione minturnese, centro dove da una vita fa politica. Contro quella sentenza, che aveva visto i magistrati ridurre notevolmente i risarcimenti inizialmente al politico, essendo anche parte delle somme cadute in prescrizione, l’ex consigliere regionale ha fatto ricorso, ma invano: condanna confermata.

L’indagine contabile è partita da una segnalazione fatta dalla Procura presso la Corte dei Conti del Lazio da alcuni consiglieri comunali minturnesi. Era il 22 febbraio 2007. Fu quindi lo stesso Comune del sud pontino a comunicare alla magistratura contabile che era avvenuto un danno erariale, visto che, tra giugno del 2000 e dicembre del 2005, Del Balzo aveva percepito indennità come presidente del consiglio comunale minturnese e come assessore provinciale, mentre la legge prevede che il politico il quale riveste due cariche deve rinunciare a una delle indennità o prendere il 50% delle somme previste per ogni incarico. Troppe somme per l’esponente del centrodestra.

La Corte dei Conti ha subito evidenziato come, per circa dieci anni, oltre all’incarico rivestito a Minturno, Del Balzo abbia ricoperto ininterrottamente quello di assessore provinciale fino al luglio 2006 e poi di consigliere regionale. Gli inquirenti hanno quindi chiesto all’ex consigliere di restituire oltre 49mila euro al Comune di Minturno. Il politico non ha risposto all’invito a dedurre, una sorta di avviso di garanzia, e ha iniziato a difendersi solo dopo l’atto di citazione, una sorta di rinvio a giudizio, anche se il 2 ottobre 2007, in una lettera inviata al Comune di Minturno si dichiarò pronto a restituire la somma che definì “incamerata erroneamente”.

L’11 aprile 2008 Del Balzo comunicò poi ai giudici contabili di aver già restituito diecimila euro e di impegnarsi a saldare il debito entro sei mesi, “attesa la temporanea indisponibilità economica in riferimento all’entità della cifra dovuta”.

Durante il processo, difeso dall’avvocato Massimo Signore, ha poi dato battaglia, adombrando responsabilità per l’accaduto anche in capo al segretario e al ragioniere comunale. Alla fine i giudici lo hanno condannato con un notevole “sconto”. Escludendo la “giustificata ignoranza” e la “buona fede”, dal risarcimento sono state tolte le somme relative al periodo precedente all’entrata in vigore della norma sulle doppie indennità, quelle cadute in prescrizione, quelle già detratte dal fisco e quelle già restituite.

Del Balzo è stato così condannato a restituire al Comune di Minturno soltanto 12.481 euro e pagare gli interessi e spese di giudizio. Il politico ha fatto comunque appello, sostenendo tra l’altro che la somma andava ulteriormente ridotta a poco più di cinquemila euro. Tesi rigettate dai giudizi della III sezione centrale d’appello.

I magistrati hanno avallato in pieno quanto deciso dai colleghi di primo grado, specificando che la condotta di Del Balzo sarebbe “illegittima” e si sarebbe protratta per anni “indifferente all’interesse pubblico e al contenimento dei costi della politica”. Risarcimento confermato.
Clemente Pistilli

La Provincia 06-04-2013

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share