• Home »
  • Attualità »
  • Vertenza Ego Eco, fissata l’udienza per la richiesta di risarcimento al Comune di Minturno
Vertenza Ego Eco, fissata l’udienza per la richiesta di risarcimento al Comune di Minturno

Vertenza Ego Eco, fissata l’udienza per la richiesta di risarcimento al Comune di Minturno

Ego Eco

Ego Eco

Il 14 giugno prossimo è prevista presso il Tribunale di Gaeta la prima udienza relativa all’atto di citazione promossa dalla Ego Eco (la ditta che è ancora il gestore del servizio di raccolta di rifiuti) contro il Comune di Minturno. Una citazione [di cui Minturnet ha già dato anticipazioni oltre due settimane fa] accompagnata da una richiesta di risarcimento di circa sette milioni di euro, in quanto la società facente capo all’Amministratore unico Vittorio Ciummo si è ritenuta danneggiata in maniera “illogica, eccessiva ed ingiustificata”.

L’iniziativa dell’azienda cassinate è giunta dopo che il Comune di Minturno, nell’ottobre scorso, aveva avviato la procedura di risoluzione del contratto. Una procedura che si è conclusa oltre un mese fa con l’adozione dell’atto di risoluzione da parte del Comune di Minturno, per grave inadempimento della controparte del contratto del settembre 2008 stipulato proprio con la Ego Eco.

“Il degrado verso cui abbiamo visto scivolare da anni la nostra città – ha affermato l’assessore all’igiene Roberto Lepone – non era più tollerabile. E non lo era neppure il dover sostenere un onere economico tanto rilevante per le tasche dei cittadini, a fronte di un servizio assolutamente insufficiente ed inadeguato. La cura dell’igiene e il decoro urbano fanno parte del patrimonio genetico di ogni collettività evoluta e rappresentano il primo, cordiale, benvenuto al turista che sceglie quella località per le proprie vacanze”.

A tal proposito il Comune, in attesa del nuovo bando di gara, inviterà cinque ditte, una delle quali assumerà la gestione del servizio, fino a che non si conoscerà la ditta che si aggiudicherà il nuovo appalto.

“Il servizio -ha continuato l’assessore Lepone- sarà ripensato e riprogettato insieme a tutte le forze politiche. Si passerà al “porta a porta”. Avremo come obiettivo principale quello di rendere la città pulita per i suoi cittadini, accogliente per i turisti, in linea con gli obiettivi di raccolta differenziata stabiliti dalla legge”.

In vista dell’udienza fissata al Tribunale di Gaeta nel prossimo giugno, la giunta comunale di Minturno ha affidato l’incarico di tutelare il Comune all’avvocato Silvio Martuccelli, il quale si era occupato della questione. Infatti il legale era stato incaricato di dare un proprio parere in merita alla risoluzione del contratto, procedura che poi è andata avanti e che ha visto l’Ego Eco chiedere anche la declaratoria per inadempienze che, a proprio parere, sarebbero state compiute dal Comune di Minturno.

La cosa certa, al di la di quelle che saranno le decisioni giudiziarie è che, dopo tanti anni, le strade del Comune di Minturno e la Ego Eco (già Cic) si separeranno.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share