• Home »
  • Cronaca »
  • I residenti del centro storico di Minturno chiedono l’intervento dell’amministrazione comunale
I residenti del centro storico di Minturno chiedono l’intervento dell’amministrazione comunale

I residenti del centro storico di Minturno chiedono l’intervento dell’amministrazione comunale

I residenti del centro storico di Minturno attendono da mesi che l’amministrazione comunale si occupi della riparazione del tratto finale di Via Diritto Portico. La strada, infatti, presenta in alcuni punti delle voragini, una delle quali pericolosa per i bambini, in quanto presenta un buco profondo.

Il continuo passaggio delle autovetture dei residenti ha compromesso la pavimentazione, i cui mattoni si sono frantumati. Sebbene nella piazzetta superiore siano stati eseguiti dei lavori di riparazione, nel tratto inferiore il problema persiste.

“E’ da gennaio – spiegano i residenti – che abbiamo inviato la segnalazione al sindaco Paolo Graziano e all’assessore Fabio Saltarelli. Ci avevano promesso che avrebbero provveduto in tempi brevi. Ma siamo a maggio e ancora siamo con queste buche pericolose, nonostante le nostre numerose sollecitazioni. Ricordiamo che noi delle case popolari abbiamo ampiamente sostenuto il sindaco Graziano per la sua elezione, vorremmo quindi che ci si ricordi anche di noi. Non stiamo chiedendo posti di lavoro ma di rendere decoroso il centro storico”.

I residenti segnalano, inoltre, il degrado in cui versa il centro storico di Minturno: le fogne ormai logore e che necessiterebbero di interventi urgenti, la scarsa pulizia delle strade, l’abbandono di inerti e ingombranti, la Via dei Fossi il cui manto stradale è ridotto ai minimi termini e sul quale, all’altezza del semaforo, non vi sono i guard-rail rendendo pericoloso il traffico stradale, la vegetazione che addirittura oscura i lampioni.
Giuseppe Mallozzi

PHOTOGALLERY

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share