Rimossi sei ordigni bellici della Seconda Guerra Mondiale

Rimossi sei ordigni bellici della Seconda Guerra Mondiale

Artificieri

Artificieri

Sei ordigni bellici perfettamente funzionanti sono stati rimossi e fatti brillare sul territorio del Comune di Minturno. Ancora una volta gli artificieri dell’Esercito sono stati costretti ad intervenire per la presenza di bombe dell’ultimo conflitto bellico, che fortunatamente sono state scoperte per caso.

Gli specialisti sono intervenuti in due distinte operazioni effettuate a Minturno e Scauri.

A Minturno, in località Tore, sono stati trovati ben cinque ordigni, che erano nascosti in un appezzamento di terreno. Ad accorgersi della loro presenza è stato il proprietario dell’area agricola, il quale ha notato che c’era un oggetto metallico che fuoriusciva dal terreno. Una volta avvicinato ha visto che le bombe erano più di una e così ha dato l’allarme informando i carabinieri della locale stazione, i quali a loro volta hanno avvisato gli esperti dell’Esercito, provenienti da Caserta. Nel frattempo l’area è stata isolata, per evitare che qualcuno potesse avvicinarsi.

L’intervento degli artificieri, inoltre, si è esteso anche nella zona di Scauri alto, dove è stato rinvenuto un altro proiettile inesploso. Dopo aver rimosso con grande cautelale bombe si sono recati in una cava dismessa della zona, dove sono stati fatti brillare.

L’intervento dell’altro giorno è solo l’ultimo di una serie di operazioni di “sminamento” che da sempre interessano l’area minturnese, sulla quale passava la linea Gustav. In passato sono state trovate delle vere e proprie santabarbara in località Monticelli e Solacciano, dove addirittura c’erano delle postazioni. In una di queste furono rinvenuti anche dei resti ossei di militari inglesi, trovati all’interno di un’abitazione privata.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share