• Home »
  • Politica »
  • Divorzio con la Ego Eco, il 21 giugno l’apertura delle buste per il capitolato speciale provvisorio
Divorzio con la Ego Eco, il 21 giugno l’apertura delle buste per il capitolato speciale provvisorio

Divorzio con la Ego Eco, il 21 giugno l’apertura delle buste per il capitolato speciale provvisorio

Ego Eco

Ego Eco

La data da segnare sul calendario è il prossimo 21 giugno. Alle ore 9.30, infatti, saranno aperte le buste delle offerte pervenute al Comune di Minturno da parte delle ditte interessate a sostituire, per un periodo limitato di sei mesi, la Ego Eco in una gestione provvisoria del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani.

Nella determina 134 del 6 giugno 2013 (scaricabile alla fine dell’articolo) viene approvato il capitolato speciale d’appalto, che prevede un importo a base d’asta pari a 1.544.049,44 euro, di cui 6.750,55 euro per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso e per la durata di sei mesi, e per un importo mensile di 257.341,57 euro.

Il documento dà il via, dunque, alla gara d’appalto per l’affidamento del “Servizio temporaneo di raccolta e trasporto dei rifiuti differenziati e indifferenziati urbani e assimilati prodotti dal Comune di Minturno e servizi accessori”, con procedura negoziata. La spesa complessiva è pari a 1.698.454,38 euro e sarà finanziata con le nuove tariffe Tares in corso di approvazione da parte della giunta comunale. Sarà impegnato, inoltre, l’importo di 600 euro quale contributo in favore dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici.

Si può dire definitivamente conclusa l’esperienza fallimentare della gestione Ego Eco, anche se si porterà comunque degli strascichi giudiziari: da una parte il processo penale che vede imputati ben 11 persone, tra i quali figurano l’ex sindaco Pino Sardelli e l’ex presidente del consiglio comunale Romolo Del Balzo (sentenza prevista per il 3 luglio); dall’altra la citazione in giudizio da parte della ditta di Vittorio Ciummo (udienza fissata il prossimo 14 giugno), che chiede il risarcimento danno per ben sette milioni di euro.

Infine, sono preoccupati i dipendenti sul cambio di gestione e in particolare per il mantenimento dei livelli occupazionali. Tramite il sindaco As.La.Cobas chiedono garanzie all’amministrazione comunale.
Giuseppe Mallozzi

DOWNLOAD: Determina 134/2013

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share