• Home »
  • Attualità »
  • Rifiuti, i lavoratori saranno tutelati. Le rassicurazioni dell’assessore Lepone e del consigliere Zasa
Rifiuti, i lavoratori saranno tutelati. Le rassicurazioni dell’assessore Lepone e del consigliere Zasa

Rifiuti, i lavoratori saranno tutelati. Le rassicurazioni dell’assessore Lepone e del consigliere Zasa

Ego Eco, deposito ex Asia

Ego Eco, deposito ex Asia

«Non c’è alcun pericolo per i 35 operai che attualmente svolgono la loro attività per conto della Ego Eco, la ditta che, ancora per pochi giorni, gestirà il servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti solidi urbani a Minturno».

Le assicurazioni giungono dall’assessore Roberto Lepone e dal presidente della commissione igiene di Minturno, Americo Zasa, che hanno raccolto l’appello lanciato ieri dall’As La COBAS, il sindacato che aveva chiesto garanzie per i lavoratori, visto che il Comune di Minturno ha risolto il contratto con la Ego Eco. Quest’ultima società, infatti, svolgerà il proprio compito sino all’assegnazione provvisoria del servizio ad un’altra ditta, che opererà sino al completamento della gara d’appalto per l’affidamento definitivo del servizio.

«In verità – ha detto l’assessore Lepone – tempo fa c’è stato già un incontro con i lavoratori, ai quali avevamo già assicurato che il cambio di gestione non comporterà alcuna conseguenza per loro. Il mantenimento dei livelli occupazionali è previsto dalle norme vigenti e la nuova ditta, ovviamente, dovrà rispettarle».

Anche il presidente della commissione igiene e sanità Americo Zasa ha confermato il tutto, aggiungendo che «l ‘Amministrazione ha da sempre garantito la conservazione del posto di lavoro. Circa l’allarmismo di qualcuno – ha continuato Zasa – non sappiamo nulla e le voci di piazza, le indiscrezioni, non ci interessano. I lavoratori e gli stessi sindacati sanno che ci sono delle norme di legge, che dovranno essere rispettate dalla ditta che subentrerà, la quale automaticamente dovrà assumere i lavoratori».

La commissione igiene e sanità e la giunta, proprio nei giorni scorsi hanno approvato l’appalto provvisorio relativo alla raccolta ed allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani di Minturno. Le strade tra Comune ed Ego Eco, dopo tanti anni, si stanno per dividere e con sviluppi che saranno gli organi di giustizia interessati a determinare. Infatti il 14 giugno prossimo è prevista, presso il Tribunale di Gaeta la prima udienza relativa all’atto di citazione promossa dalla Ego Eco contro il Comune di Minturno.

Una citazione accompagnata da una richiesta di risarcimento di circa sette milioni di euro, in quanto la società facente capo all’amministratore unico, Vittorio Ciummo, si è ritenuta danneggiata. L’iniziativa dell’azienda cassinate è giunta dopo che il Comune di Minturno, nell’ottobre scorso, aveva avviato la procedura di risoluzione del contratto, per grave inadempimento della controparte del contratto stipulato proprio con la Ego Eco nel settembre del 2008.

Fonte: Latina Oggi

Ti è piaciuto questo articolo? Sostieni Minturnet con una DONAZIONE --> CLICCA QUI!



Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato


Iscriviti alla Newsletter gratuita. Clicca qui!

Usa Facebook per lasciare un commento a questo articolo

Share